Carta d’identità elettronica

  • Modalità di richiesta

Ufficio: Anagrafe

Referente: Responsabile del Settore: Dr. Mariano Capone

Indirizzo: Via Pizzo delle Canne, 4

Per informazioni sulla procedura: tel: 081/8302025- e-mail: anagrafe@comune.crispano.na.it

Il cittadino può chiedere la C.I.E. al Comune di residenza o di dimora nei casi di primo rilascio, deterioramento, smarrimento o furto del documento di identificazione.

La richiesta della Carta d’Identità Elettronica viene effettuata dal 1° Novembre 2018 solo tramite prenotazione sull’apposita agenda ministeriale  https://agendacie.interno.gov.it)

 Manuale istruzione per la prenotazione

  • Costi

Il corrispettivo è fissato dall’art. 1 del decreto del MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE del 25 maggio 2016 e dalla Delibera della Commissione Straordinaria n.17 del 22/02/2018.

Le somme complessivamente dovute dagli utenti per le due ipotesi fondamentali di rilascio della nuova C.I.E., sono così riassunte:

rilascio di nuova C.I.E.:

a) corrispettivo ministeriale: ………………..    €. 16,79

b) diritto fisso comunale di segretaria .……..   €.   5,16

c) diritto di segreteria comunale ……………    €.   0,70

Totale  €.  22,65

L’importo sarà corrisposto a mezzo c.c.p. n. 17026808 intestato al Comune di Crispano – Servizio Tesoreria – con causale: “rilascio carta d’identità elettronica. La ricevuta dell’avvenuto versamento dovrà essere esibita allo sportello dell’Ufficio Anagrafe all’atto della richiesta del documento.

  • Descrizione

Il D.L. 78/2015 recante “Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali”, convertito dalla legge 6 agosto 2015, n. 125, ha introdotto la nuova Carta di Identità Elettronica (C.I.E.) con funzioni di identificazione del cittadino.

Dal 3 Aprile 2018 il Comune di Crispano rilascia la nuova C.I.E.

La Circolare 10 del 2016 del Ministero dell’Interno stabilisce che il cittadino può chiedere la CIE al Comune di residenza o di dimora nei casi di primo rilascio, deterioramento, smarrimento o furto del documento di identificazione.

Il processo di emissione della C.I.E. è gestito direttamente dal Ministero dell’Interno; la consegna avviene entro sei giorni lavorativi dalla data della richiesta allo sportello anagrafe del Comune.

Il progetto della nuova C.I.E. è finalizzato ad incrementare i livelli di sicurezza dell’intero sistema di emissione attraverso la centralizzazione del processo di produzione, personalizzazione e stampa della CIE, a cura dell’IPZS (Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato), nonché mediante l’adeguamento delle caratteristiche del supporto agli standard internazionali di sicurezza e a quelli anticlonazione ed anticontraffazione in materia di documenti elettronici. La nuova C.I.E. oltre ad essere strumento di identificazione del cittadino, è anche un documento di viaggio in tutti i paesi appartenenti all’Unione Europea e in quelli con cui lo Stato italiano ha firmato specifici accordi.

Il supporto fisico della C.I.E. è dotato di un microprocessore per la memorizzazione delle informazioni necessarie per la verifica dell’identità del titolare, inclusi gli elementi biometrici primari (fotografia) e secondari (impronta digitale).

  • POSSIBILITÀ DI ESPRIMERSI SULLA DONAZIONE DI ORGANI E TESSUTI

La nuova C.I.E. prevede anche la facoltà per il cittadino maggiorenne di indicare il consenso o il diniego alla donazione di organi e/o tessuti in caso di morte.

Con l’arrivo della Carta di Identità Elettronica è infatti possibile inserire nel Sistema Informativo Trapianti (S.I.T.) una dichiarazione in tal senso. A partire dal 3 Aprile 2018, al momento della richiesta della carta elettronica ogni cittadino maggiorenne può quindi approfittare per dichiarare, se lo vuole (non è un obbligo), la volontà in merito alla donazione dei propri organi: è previsto il consenso, ma anche il diniego esplicito. Chi lo desidera, può richiedere all’operatore l’apposito modulo; una volta compilato deve consegnarlo, per la firma, all’operatore dello sportello anagrafe. Eventuali modificazioni della propria volontà espressa potranno essere effettuate in qualsiasi momento presso la propria ASL o al successivo rinnovo della carta d’identità elettronica stessa.

  • Requisiti del richiedente

Essere iscritti nell’anagrafe della popolazione residente nel Comune di Crispano.

I cittadini residenti in altro Comune italiano possono chiedere la carta di identità, solo per gravi e comprovati motivi di impossibilità a recarsi presso il proprio Comune di residenza.

Solo in seguito alla trasmissione del Nulla Osta al Comune di Crispano da parte del Comune di residenza, sarà possibile procedere alla richiesta della carta di identità.

  • Documentazione da presentare

Presentarsi allo sportello con documento di identificazione o di riconoscimento (se già in possesso di uno), una foto formato tessera, recente (come da requisiti indicati sul sito www.cartaidentita.interno.gov.it) e codice fiscale.

La carta di identità scaduta o in scadenza deve essere obbligatoriamente consegnata allo sportello. In caso di furto o smarrimento o deterioramento (tale da non permettere il riconoscimento del numero della carta) del vecchio documento occorre presentarsi allo sportello con la denuncia resa presso le competenti Autorità italiane (Commissariato di Polizia o Stazione dei Carabinieri).

Nel caso non si abbia alcun documento identificativo occorre presentarsi allo sportello con due testimoni con documenti validi.

NOTA BENE: I cittadini non comunitari devono presentare anche l’originale del permesso di soggiorno valido o la copia del permesso di soggiorno scaduto con l’originale della ricevuta attestante l’avvenuta richiesta di rinnovo presentata prima della scadenza del permesso di soggiorno o entro sessanta giorni dalla scadenza dello stesso.

  • Iter procedura

Il rinnovo può essere effettuato a partire da 180 giorni prima della scadenza della validità.

Il cittadino dovrà presentarsi presso uno degli sportelli abilitati alla richiesta della C.I.E. Al termine delle operazione di inserimento e verifica dei dati, lo sportello rilascerà al cittadino stesso la ricevuta della richiesta della C.I.E.

NOTA BENE: ai cittadini comunitari e cittadini stranieri non comunitari la carta di identità viene rilasciata non valida ai fini dell’espatrio.

La competenza dell’atto finale spetta all’Ufficiale di Anagrafe.

  • Informazioni

La carta di identità non perde la sua validità se il cittadino ha cambiato indirizzo o residenza (Circolare MI.A.C.E.L. n. 24 del 31.12.1992).

Non esiste più un limite di età per chiedere il rilascio della carta di identità, ma solo un differente periodo di validità:

  • vale 3 anni per i minori di tre anni;
  • vale 5 anni per i minori di età compresa fra tre e diciotto anni
  • vale 10 anni per i maggiori di 18 anni.

Dal 9 febbraio 2012 la carta d’identità è rilasciata o rinnovata con validità fino alla data corrispondente al giorno e mese di nascita del titolare, immediatamente successiva alla scadenza che sarebbe altrimenti prevista per il documento medesimo.

  • Avvertenze

La carta di identità NON deve essere alterata o modificata perché perde di validità.

  • Consegna della C.I.E.

Il termine di conclusione del procedimento per la richiesta della C.I.E. è immediato.

La C.I.E. viene consegnata, a cura del Ministero dell’Interno ed entro sei giorni lavorativi all’ufficio anagrafe del Comune o direttamente al cittadino, all’indirizzo indicato dal cittadino stesso al momento della richiesta allo sportello anagrafe.

Se il cittadino non venisse trovato all’indirizzo precedentemente indicato, la C.I.E. resta in giacenza all’Ufficio Postale per 15 giorni solari (a partire dal 4° giorno solare successivo al rilascio dell’avviso) Il documento viene successivamente inviato all’Ufficio Anagrafe del Comune.

Può anche essere indicato un delegato al ritiro.

  • Normativa di riferimento

D.L. n. 78/2015 recante “Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali”, convertito dalla legge 6 agosto 2015, n. 125.

Decreto del Ministro dell’interno del 23 dicembre 2015, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 30.12.2015.

Art. 5 D. Lgs. 7 marzo 2005, n. 82 recante il “Codice dell’amministrazione digitale”.

Art. 3 T.U.L.P.S.

Art. 291 comma 3 del Regio Decreto 06/05/1940 n. 635 D.P.R. 06/08/1974 n. 649.

Art. 31 del L.133/2008.

Circolare N. 10/2016 – Ministero dell’Interno -Nuova carta d’identità elettronica.

Circolare N. 11/2016 – Ministero dell’Interno – Ulteriori indicazioni in ordine all’emissione della nuova C.I.E.

Delibera della Commissione Straordinaria n. 17 del 22/02/2018.

torna all'inizio del contenuto